CAMAIORE. L’ufficio di Casoli, dopo la chiusura voluta e portata avanti da Poste Italiane (assieme a quello di Gualdo e di Valdicastello), è ormai un ricordo. Ma se andiamo avanti di questo passo presto anche la corrispondenza rischia di diventare qualcosa retaggio del passato.

La denuncia arriva da una cittadina di Casoli. “Dopo aver  smantellato definitivamente l’ufficio – scrive la donna – ora non effettuano più neanche la  consegna ed il ritiro della posta”.

“È dal 18 dicembre, giorno di chiusura dell’ufficio, che non si è più visto un portalettere. Arrivano fino a Lombrici  poi basta: non so se sono stati nel paese di Metato”.

“Intanto le bollette – denuncia la donna – scadono; ci sono persone che aspettano lettere importanti (come risultati di  esami medici) ed inoltre per spedire qualcosa ormai dobbiamo recarci a Camaiore”.

“Già  da tempo il servizio postale non veniva più effettuato  regolarmente, ma così mi sembra un po’ troppo e come al solito ci rimettono 
sempre le persone che non hanno mezzi per spostarsi o che hanno problemi”.

(Visitato 174 volte, 1 visite oggi)
TAG:
bollette camaiore casoli corrispondenza posta postini proteste ritardo

ultimo aggiornamento: 07-01-2013


CALCIO E SOLIDARIETÀ: LA CARRARESE AIUTA LE PICCOLE STELLE DEL ‘VERSILIA’

CAMAIORE AVRÀ IL SUO EVENTO DEDICATO AL SIGNOR G