VIAREGGIO. “Io non ho mai detto, e dico mai detto, che si tratta di plagio o altro.” Giuseppe Garone ha visto il suo nome citato da un nostro articolo sulla somiglianza tra il suo manifesto realizzato due anni fa e quello che pubblicizzerà il prossimo Carnevale estivo.

Come racconta lui stesso “mi sono divertito, in maniera del tutto simpatica e non polemica, a mettere a confronto i due manifesti, il mio e quello di Paco Cacciatori. L’ho fatto perché un mio caro amico mi ha fatto notare il vostro articolo e quindi, goliardicamente, mi sono messo lì e ho fatto un confronto.”

A quel punto, l’immagine con i due manifesti a confronto fa il giro dei social media. Il quotidiano “La Nazione” ha rilanciato il caso in un articolo pubblicato stamani con il titolo “Quel manifesto è un plagio”, scatenando la replica del presidente della Fondazione Carnevale Alessandro Santini.

“Mai avrei voluto e mai avrei pensato di creare tutto questo caos, che ripeto, non era cosa voluta: figuriamoci se mi metto a dire che si tratta di plagio quando sono due cose completamente diverse. Diciamo che lo ricorda, ma tra ricordare e plagio ce n’è tanta di strada.

“Se leggete bene il mio post sul mio profilo Facebook vedrete che le parole ‘copiato’ o ‘plagio’ non escono mai dalla mia bocca: quindi, che polemica dovrei aver fatto?

“Se avessi davvero voluto farla mi sarei comportato in maniera del tutto diversa e avrei fatto altre cose: smentisco categoricamente tutto ciò che erroneamente è stato scritto su di me, mettendomi in bocca parole che non ho mai detto.”

@GorskiPark

(Visitato 119 volte, 1 visite oggi)

DEL DOTTO: “IL RALLY DI CARNEVALE PARTIRÀ DA LIDO. CONFERMATO QUELLO DI CAMAIORE”

SANTINI REPLICA A BETTI: “LA FONDAZIONE CARNEVALE NON HA IMPEGNATO SOLDI PUBBLICI PER I PROSSIMI ANNI”