VIAREGGIO. L’avevano preannunciato e sono stati di parola: stamani all’inaugurazione del nuovo ponte girante c’erano anche i rappresentanti di Biciamici, rigorosamente in sella a velocipedi a due ruote. Per protestare, soprattutto, contro la mancanza di piste ciclabili.

“Sul ponte non è stato previsto un passaggio ciclabile – dicono – le strisce pedonali non sono in asse con l’attraversamento e costringono i pedoni ad allungare inutilmente il percorso, crediamo che si sarebbero potuti spendere meglio dei soldi pubblici. Un ponte serve ad unire e ad accorciare le distanze, invece questo le allunga”.

Stefano Varia, titolare della ditta esecutrice dei lavori, ha detto che il progetto può anche essere rivisto. “Se ci sarà la possibilità di rivedere il progetto iniziale lo verificheremo – dice – magari utilizzando uno dei passaggi pedonali per le biciclette in modo che si possa venire inconbtro a questa richiesta. Vedremo quello che si potrà fare”.

Dal punto di vista tecnico non poteva essere allargato lo spazio per le biciclette, altrimenti – questa la posizione dei progettisti – si sarebbe potuto andare incontro a eventuali complicazioni nell’apertura del ponte, per il passaggio delle barche dal canale Burlamacca.

(Visitato 110 volte, 1 visite oggi)

Finita l’attesa, inaugurato a Viareggio il nuovo ponte girante

Lo yacht non passa e tirano giù un cartello, denunciati 5 operai dalla Capitaneria