“Il sindaco Giorgio Del Ghingaro si dimostra ancora una volta più interessato a risolvere le sue questioni personali legate al futuro politico che al bene della città”: l’attacco arriva dal comitato provinciale di Fratelli d’Italia.

“Come se a Viareggio non fosse bastata la faida interna al Pd consumata sulle spalle di una città in ginocchio, grazie anche e soprattutto a personaggi e amministrazioni legati allo stesso partito, assistiamo all’ennesimo capitolo della battaglia personale di Del Ghingaro con e contro il suo Pd: la nomina di Maria Lina Marcucci infatti, indipendentemente da quello che sarà il suo operato, ha il sapore chiaro e deciso di un atto meramente politico per ingraziarsi il fratello, il potente senatore Andrea Marcucci, renziano della prima ora che in provincia di Lucca si dice faccia il bello e il cattivo tempo. A questa si aggiunge poi l’altra nomina, quella del ‘massmediologo’ Klaus Davi, vicino a Rossi: un colpo al cerchio e uno alla botte.

“Il prossimo carnevale, si spera, sarà ricco e sfavillante grazie appunto ai buoni uffici del governatore Rossi e del senatore Marcucci, ma al prezzo di una ulteriore perdita di dignità dei suoi cittadini sempre più ridotti a sudditi di un grande impero targato Pd di Lucca e comparse una partita a scacchi che li vede semplici e sacrificabili pedoni – conclude la nota di Fratelli d’Italia – la prossima mossa, intelligibile per chi ha la memoria lunga, potrebbe avere come merce di scambio il Pucciniano. Viareggio, terra di conquista, di vassalli, valvassori e valvassini”.

(Visitato 156 volte, 1 visite oggi)
TAG:
carnevale di viareggio fratelli d'italia

ultimo aggiornamento: 12-05-2016


“Riprendiamoci il contributo all’affitto tagliato dalla Regione”

“Le leggi regionali distruggono economie fondamentali”