"La biblioteca a Palazzo Quartieri patrimonio della città" - Politica Forte dei Marmi Versiliatoday.it

“La biblioteca a Palazzo Quartieri patrimonio della città”

Tangibile dichiarazione da parte di Silla Silvestri, responsabile del gruppo FdI di Forte dei Marmi, che dopo il trascorso consiglio comunale di giovedì 26 ottobre, rilancia un’importante riflessione relativa alla biblioteca comunale a Palazzo Quartieri. In seguito all’argomento trattato in sede dell’ultimo consiglio e relativo alle spese per la biblioteca da riportare a Palazzo Quartieri, Silvestri intende commentare sulla questione con precisi dati di fatto e non per mera contestazione.

“I consiglieri d’opposizione hanno chiesto chiarimenti sul preventivato capitolo di spesa e sulla futura ristrutturazione di Palazzo Quartieri. Tralascio le varie risposte e vado al succo della questione. Prima e durante la campagna elettorale, mi ero occupato con ferma determinazione allo spostamento della biblioteca proprio presso Palazzo Quartieri.Oggi appare ufficiale che la nuova amministrazione comunale abbia un concreto progetto per fare della nuova biblioteca, un fiore all’ occhiello per la città Forte Dei Marmi, e per questo hanno preventivato una spesa di circa 400mila Euro e che comprende l’acquisto di arredamenti, impianti tecnologici all’avanguardia, computer, connessioni varie, impianti elettrici e il giardino d’inverno. Appare ovvio che se si vuole avere il meglio, sia necessario investire, e sottolineo, “investire” e non spendere, che è una cosa ben diversa. Inoltre si tratta molto probabilmente di una spesa che in sede di assegnazione lavori, andrà a diminuire. Mi stupisce non poco che l’opposizione cerchi di fare polemiche a mio avviso piuttosto sterili e immotivate sulla creazione di un punto di cultura e di attrazione così importante.Mi sovviene una frase: “E ce ne sarà di scienziati al Forte”, citata da qualcuno e rivolta a chi sollecitava il ritorno della biblioteca a Palazzo Quartieri.Forse a certe persone, dei desideri dei fortemarmini e di un certo tipo di servizi, non interessa molto, oppure hanno solo il timore che i cittadini abbiano parole di elogio verso chi attua questo progetto? Per fortuna i tempi e le persone sono mutati, e le cose stanno prendendo una giusta direzione. Palazzo Quartieri e la biblioteca, sono un patrimonio di tutti i fortemarmini, e ciò dovrebbe unire e non dividere. Pensiamo al futuro del Forte. Il passato è ormai memoria, facciamo tesoro degli errori commessi, e miglioriamo tutto quanto è possibile”.

 

(Visitato 163 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 29-10-2017 12:15