Nuovi Musei del Carnevale di Viareggio alla Cittadella per conservare, custodire e far conoscere ai visitatori la storia ultracentenaria della manifestazione, in modo scientifico ed emozionale. Un progetto culturale ampio, moderno ed innovativo, che permetterà di fare esperienza del gigantismo delle opere allegoriche, della capacità creativa dei maestri costruttori e dell’evoluzione della manifestazione che, dal 1873, è patrimonio storico, artistico e culturale della Città.

Un progetto museale che si estende fino alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani”, a Palazzo delle Muse, dove verrà allestito il nuovo spazio espositivo della collezione Carnevalotto, con le opere dei più grandi nomi dell’arte contemporanea ispirate al Carnevale di Viareggio.

“Oggi il Carnevale di Viareggio ha bisogno di un luogo espositivo e conservativo che possa presentare, in modo completo e adeguato ai tempi, il suo patrimonio storico e artistico, superando l’esposizione temporanea, in essere dall’inizio degli anni Duemila – spiega la presidente della Fondazione Carnevale Marialina Marcucci -. Da qui la forte esigenza di dotare la Cittadella di un museo serio, concreto e accogliente tutto l’anno. La strategia del nuovo progetto culturale è coinvolgere tutta la Cittadella, per riqualificarla e renderla più attrattiva per un pubblico sempre più eterogeno ed esigente. Non più solo luogo creativo, ma anche conservativo, della memoria, in cui fare esperienza. Il progetto culturale, d’intesa con l’Amministrazione Comunale, è fortemente legato alla Galleria d’Arte moderna e contemporanea di Palazzo delle Muse”.

LA COLLEZIONE “CARNEVALOTTO” A PALAZZO DELLE MUSE

Nello spirito di collaborazione tra le Istituzioni cittadine impegnate a valorizzare il patrimonio artistico e culturale di Viareggio, l’Amministrazione comunale di Viareggio e la Fondazione Carnevale hanno concordato di dare una nuova collocazione alla prestigiosa collezione del “Premio Carnevalotto”, nell’ambito di una nuova sistemazione generale della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani”.

Il Premio Carnevalotto si compone di ventotto opere, oltre ad una serie di serigrafie, realizzate dal 1987 al 2018 dai più grandi artisti nazionali e internazionali, di proprietà della Fondazione Carnevale, che, grazie ad un accordo di comodato d’uso con il Comune di Viareggio, verranno accolte alla Galleria d’arte e contemporanea “Lorenzo Viani”, nelle sale al piano terra di Palazzo delle Muse. Un nuovo percorso espositivo di rilievo valorizzerà l’intera collezione, che annovera opere di Cascella, Mitoraj, Pomodoro, Matta, Kaufmann, Giosetta Fioroni, solo per citarne alcuni, evidenziando il legame tra il mondo del Carnevale e quello dell’arte contemporanea ed arricchendo il patrimonio espositivo della Gamc.

«Il palazzo delle Muse sarà oggetto di una vera e propria rivoluzione – dichiara l’assessore alla Cultura Sandra Meidi cui avremo modo di parlare più avanti: oggi vogliamo dare il giusto risalto al nuovo allestimento della Cittadella e all’arrivo di questa importantissima collezione alla Gamc, che richiede spazi adeguati e adeguate strutture che possano valorizzare il patrimonio artistico accolto. Una scelta che unisce due Enti, Fondazione e Comune, perché si moltiplichi pubblico ed offerta. La cultura è una ma si manifesta in mille modi, a Viareggio in particolare e in particolare con il Carnevale, che non è solo divertimento: è arte, è maestria è passione e storia di una città. Benvenuto quindi al Carnevalotto nel palazzo delle Muse e un grande in bocca al lupo per il successo dei nuovi spazi espositivi alla Cittadella del Carnevale».

I NUOVI SPAZI ESPOSITIVI DEL CARNEVALE ALLA CITTADELLA

Il nuovo progetto culturale del Carnevale di Viareggio abbraccia tutta la Cittadella e la rende un luogo attrattivo e visitabile, in cui raccontare la storia di 146 anni e guardare al futuro e all’evoluzione del saper fare. Il Museo accoglierà (al primo piano) i visitatori con l’esposizione permanente dedicata alla storia del Carnevale. Al secondo piano: l’archivio-biblioteca, in cui poter approfondire la materia, anche da un punto di vista scientifico e della ricerca. Nell’Espace Gilbert, oltre alla gigantesca ballerina, spazi per le esposizioni temporanee, la sala per l’archivio audiovisivo e l’installazione emozionale attraverso la quale poter rivivere l’atmosfera del Corso Mascherato. La Carnival Lab Academy sarà il luogo in cui insegnare i mestieri e i saperi del Carnevale di Viareggio. Due laboratori della cartapesta, l’hangar 8 come spazio polifunzionale e la nuova caffetteria completano la nuova progettualità culturale.

 “Il progetto – spiega la direttrice dei Musei del Carnevale di Viareggio Roberta Martinelli – prevede più ambienti alla Cittadella, per un totale di 1.950 metri quadri, che dialogheranno tra loro, permettendo al visitatore di ammirare il gigantismo delle opere allegoriche e di scoprire, attraverso un percorso nella memoria, la realtà della tradizione e della complessa macchina del Carnevale”.

Il progetto accoglie tutte le indicazioni più recenti e innovative del Ministero dei Beni Culturali che tendono a rendere un museo non solo luogo di conservazione, ma uno spazio che offra servizi e che possa anche essere promotore di iniziative economiche. Con questo obiettivo all’interno della Cittadella sono stati individuati sia i locali destinati alla esposizione permanente (che occupano 600 metri quadri), sia nuove aree funzionali come la caffetteria e un intero hangar per esposizioni temporanee. Oltre ad un percorso di conoscenza del Carnevale, prevede la realizzazione di racconti “emozionali” che, attraverso le migliori e più moderne tecnologie di videoproiezioni, permetteranno al visitatore di rivivere, tutto l’anno, l’esperienza di una sfilata dei carri allegorici.

Saranno messi a disposizione degli studiosi e dei visitatori più interessati gli archivi, un database che raccoglie tutti i bozzetti, le immagini storiche della manifestazione e la biografia degli artisti, la ricca produzione musicale e la biblioteca del Carnevale (oltre 200 metri quadri).

Spazio anche alla manualità, con la scoperta e valorizzazione dei materiali che i maestri costruttori usano per realizzare le loro opere. Due laboratori della cartapesta per adulti e ragazzi permetteranno ai visitatori una conoscenza più tecnica e diretta della lavorazione tipica viareggina.

LA CARNIVAL LAB ACADEMY

Il nuovo progetto culturale della Cittadella prevede l’istituzione della Carnival Lab Academy, una vera e propria Accademia dei Mestieri del Carnevale, per formare i nuovi artisti del domani e permettere ai costruttori già affermati di tramandare e ampliare le loro conoscenze, confrontandole con le tecnologie più moderne. Parallelamente verranno istituiti corsi di formazione per la lavorazione di tutto il materiale necessario alla spettacolarizzazione delle sfilate: sartorie, scenografie, coreografie.

La realizzazione dei nuovi spazi espositivi è dell’architetto Velia Gini Bartoli. Il progetto grafico è di Pierluigi Da Prato, suo il nuovo logo che si basa su una duplice matrice di sviluppo: da una parte Burlamacco, simbolo universalmente riconosciuto, dall’altra rievoca la carta, come elemento fondante del Carnevale, nella sua accezione di effimera leggerezza. Responsabile della Carnival Lab Academy è il professor Paolo Corti. L’allestimento della caffetteria è a cura dell’interior design Roberto Baronti.

(Visitato 80 volte, 1 visite oggi)