foto di Letizia Tassinari

A zonzo sull’A/12 con il mandato di cattura sul collo: arrestato dalla Polstrada.

La pattuglia, impegnata nel dispositivo a reticolo dispiegato su input della Direzione Centrale delle Specialità della Polizia di Stato sulle principali arterie regionali, ha arrestato un albanese di 32 anni. L’uomo, alla guida di un’Alfa Romeo, si trovava con una sua connazionale in A/12 quando, alla vista di una pattuglia della Sottosezione di Viareggio, ha iniziato ad avere un’andatura nervosa e a scatti.

I poliziotti si sono insospettiti e, con l’ausilio di un altro equipaggio, hanno intimato l’alt. Lui ha esibito un passaporto con un nome pulito ma dal controllo delle impronte digitali gli investigatori hanno avuto conferma che qualcosa non tornava. Infatti, lo scorso giugno la Procura di Savona aveva spiccato nei confronti dello straniero un mandato di cattura con il suo vero nome perché lui, già allontanato dall’Italia, due anni fa era rientrato nel nostro Paese e, pizzicato in Liguria per un furto in abitazione, condannato a quasi un anno di carcere.

Il malvivente, che all’inizio era convinto di farla franca, ha iniziato a comprendere che per lui non c’era più scampo e, per evitare guai peggiori, ha vuotato il sacco. La Polstrada lo ha portato in carcere, dove finirà di scontare la sua pena.

(Visitato 273 volte, 1 visite oggi)