Erich Lucchetti, presidente Confindustria MassaCarrara a Carlo Paolini (Leu)

Il presidente di confindustria Massa Carrara Erich Lucchetti replica In una lettera aperta al professor Carlo Paolini (leu).

Egregio professore,

la ringrazio per essere intervenuto anche Lei, a nome di Leu, nel dibattito sulla stampa dopo che ho risposto ad un comunicato del signor Paolo Gozzani, segretario della Cgil di MassaCarrara, che avanzava critiche a mio avviso pre-giudiziali e infondateal mondo delle imprese e in particolare alle aziende del lapideo.

A differenza di quanto da lei affermato – prosegue Lucchetti – mi preme sottolineare fortemente che come associazione che riunisce le aziende di MassaCarrara non abbiamo mai parlato di “serrata”, né abbiamo mai posto minacce di nessun genere riguardanti azioni di settore.

Anzi, casomai, abbiamo dissuaso chi voleva percorrere questa strada ormai esasperato dalle continue quotidiane problematiche che stanno bloccando sviluppo, crescita e occupazione nel nostro territorio e non solo.

Voglio ricordare ad esempio che a tutt’oggi ci sono diverse cave ferme da mesi che stanno vivendo una situazione grave ed insostenibile per imprese e lavoratori sia del settore sia dell’indotto.

Del resto il fatto che abbiamo condiviso con l’amministrazione comunale di Carrara la creazione di un tavolo sul marmo non può che confermarle la nostra ferma volontà di affrontare  e risolvere  le problematiche che stanno distruggendo  il nostro settore seguendo la strada del confronto e della concertazione e non certo dello scontro e della chiusura.

Il grande lavoro sulla sicurezza che le imprese hanno costruito assieme ai lavoratori e alla Asl ad esempio è per noi un modello concreto di come insieme si possano affrontare e risolvere i problemi.

Le pochissime aziende a cui lei fa riferimento  non rappresentano la normalità delle nostre aziende le quali, se riescono a sopravvivere in questo periodo  e a queste condizioni, lo devono esclusivamente alla bravura dei nostri imprenditori  e dei loro collaboratori. Anche perché è oramai evidente a tutti che le recenti normative di settore a causa della loro forma contraddittoria e burocratica hanno di fatto ingessato tutti i progetti di investimento e quindi di sviluppo occupazionale e crescita sul nostro territorio.

Per questo come imprese noi riteniamo fondamentale  per il futuro  della nostra città un confronto  aperto e costruttivo con l’amministrazione di Carrara con le altre istituzioni a partire dalla Regione Toscana e con le altre parti sociali a partire dai sindacati. Siamo infatti convinti che il nostro territorio debba presentarsi unito all’esterno elaborando una comune identità  di vedute di programmi e di soluzioni. Ed è per questo che l’associazione  che rappresento ha sempre chiesto ed auspicato un patto per lo sviluppo anche con il sindacato.

Quindi mi auguro che anche grazie al suo intervento si possa trovare questa unità di intenti e di azione anche da lei auspicata.

Erich Lucchetti

presidente Confindustria Massa Carrara

Aggiornato il: 09-03-2019 17:09