foto di Letizia Tassinari
Operazione “weekend sicuro”, l’attività condotta dai Carabinieri della Compagnia di Viareggio al fine di mantenere alto il livello di sicurezza percepito e garantire l’ordinato e sicuro svolgimento delle iniziative del fine settimana.
Anche lo scorso weekend i militari dell’Arma hanno effettuato diversi controlli su tutto il territorio di competenza, garantendo un’intensa vigilanza dei luoghi maggiormente frequentati, specie della fascia costiera che, con l’approssimarsi delle festività pasquali, diventa punto di ritrovo per turisti, residenti e giovani di tutta la provincia e non solo.
Il territorio di giurisdizione della Compagnia dei Carabinieri di Viareggio, infatti,  è stato attentamente passato a setaccio dalle pattuglie dell’Arma che hanno svolto il servizio di controllo del territorio per contrastare i reati in genere, segnatamente, quelli predatori, in particolare furti e rapine ma anche lo spaccio di sostanze stupefacenti.
Nel corso del servizio, i Carabinieri della Stazione di Camaiore hanno arrestato un uomo, M.G., classe ’74, già noto alle forze di polizia che, sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno ed obbligo di permanenza all’interno della propria abitazione in determinati orari, è stato sorpreso fuori da casa senza alcuna autorizzazione, in violazione della misura di prevenzione. L’uomo è stato quindi poi sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.
A Viareggio, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un soggetto, C.G., classe ’96, sottoposto agli arresti domiciliari che, invece di rimanere all’interno della propria abitazione come impostogli dalla misura, ha pensato bene di uscire a fare un giro ma è stato sorpreso dai militari dell’Arma. L’uomo è stato poi sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari in attesa anche lui dell’udienza di convalida.
Infine, nella serata di ieri, i Carabinieri sono intervenuti presso una sala slot di Pietrasanta poiché un soggetto, a volto travisato e armato di coltello, dopo aver minacciato il dipendente presente, si è fatto consegnare i soldi della cassa, circa 4.000 euro, poi dileguandosi a piedi.
I militari dell’Arma hanno subito effettuato i primi rilievi all’interno della sala slot in cerca delle tracce lasciate dal malvivente e stanno indagando per individuarlo.
Proseguiranno, anche nelle prossime settimane, i controlli da parte dei Carabinieri in tutto il territorio della Versilia sia per prevenire e reprimere i reati di natura predatoria che più da vicino colpiscono gli onesti cittadini, nelle aree più isolate ma anche nei centri abitati e sulla fascia costiera di competenza, sia per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nelle principali zone della movida e luoghi di aggregazione di giovani.
(Visitato 449 volte, 2 visite oggi)