Quaranta ore di messa alla prova, 600 euro a testa da destinare in beneficenza e reato estinto.

Lo ha disposto questa mattina il gip durante l’udienza in tribunale a Lucca nel procedimento contro i tre giovani, accusati di omissione di soccorso, che erano in auto con Anthony Caturano – il cui processo per omicidio stradale deve ancora essere fissato – quando, in Darsena, l’auto investì due pedoni. Andrea Lucchesi, un giovane di Lucca del 97, portato in condizioni gravissime al pronto soccorso dell’ospedale “Versilia” morì appena salito sul Pegaso per essere trasferito a Livorno. L’altro ragazzo, Fabio Biagini, del 93, fu invece ricoverato nel nosocomio labronico per essere sottoposto a una delicato intervento neurochirurgico.

Il tragico incidente avvenne sul “vialone”, la notte del 4 febbraio dello scorso anno. Le indagini da parte dei Carabinieri di Viareggio per rintracciare il pirata della strada erano proseguite per ore fino a quando Caturano, incensurato come gli amici – processati oggi – che erano nella sua auto, una Lancia Y intestata a un familare,  fu rintracciato la mattina nella sua casa a Torre del Lago e arrestato, con l’accusa, anche, di guida in stato di ebbrezza e sotto gli effetti di sostanze psicotrope.

Quella che doveva essere una serata di divertimento, passata tra le feste notturne di Carnevale nei tanti locali della marina di levante a Viareggio, si era trasformata, purtroppo, in una tragedia. I due giovani, Lucchesi e Biagini, stavano tornando alla macchina quando furono travolti. A perdere la vita fu il 21enne, le cui condizioni, gravissime, erano poi ultreriormente precipitate appena fatto salire sull’elicosoccorso atterrato al “Versilia”: il suo cuore aveva cessato di battere in fase di decollo dell’elicossorso che lo avrebbe dovuto portare nel reparto di neurochirurgia di Livorno. Un viaggio della speranza che, purtroppo, non ebbe mai inzio.

Il Corsaro, in Darsena, aveva annullato la festa di Carnevale in programma per la notte successiva, in segno di lutto per la morte del ragazzo investito, che prima di essere travolto aveva trascorso la serata nel noto locale.

(Visitato 5.646 volte, 1 visite oggi)

Blitz alla stazione di Torre del Lago: due fermati

Omicidio in Pineta di Ponente, la Cassazione conferma la condanna: il killer era in “vacanza” a Viareggio, una donna il movente