Come ogni anno in occasione delle festività natalizie, sono felice di condividere su Versilia Today alcuni consigli di lettura a seguito dei libri in cui ho “viaggiato” quest’anno. Come sempre non propongo una classifica, ma suggerimenti suddivisi per aree tematiche del tutto suggestive. È stato un anno di numerose letture per il tanto tempo a disposizione dovuto in parte alla pandemia ed è stata un’annata all’insegna della scoperta e della scrittura femminile. Per tanto vi auguro buon Natale e buone letture, perché quando si regalano storie si regala spesso uno specchio, una bussola e un tappeto volante: nel libro ci si può guardare dentro, orientare le nostre scelte, sognare e viaggiare con la fantasia in altre infinite vite.

Libri capolavori imperdibili:

Un bacio prima di morire (Levin, Sur)

L’estate che sciolse ogni cosa (Mac Daniel, Atlantide)

Fleishman a pezzi (Brodesser Arker, Einaudi)

Atti di sottomissione (M.Nolan, NN Editore)

Questo giorno che incombe (A.Lattanzi, HarperECollins)

Le piacevoli scoperte

Randagi (M.Amerighi, Bollati e Boringhieri)

Il valore affettivo (N.Verna, Einaudi)

Come delfini per pescicani (F. Morlupi, Salani)

Il liceo (A. Berselli, Elliot ed.)

Prisma (G.Morozzi,Tea)

L’originalità

La voce di R. Wright (S.Naspini, E/O)

Biancaneve nel novecento (M.Oliva, Solferino)

E questo è niente (M. Cecchini, Bollati e Boringhieri)

Italian Psycho (De Rosa, Minimum Fax)

Hypno (A.Pasquinucci, La memoria del mondo)

La suspense

La stagione dei ragni (B.Baraldi, Giunti)

E verrò un altro inverno (Carlotto, Rizzoli)

Un colpo al cuore (Pulixi, Rizzoli)

Nessuno ha dato la buona notte (E. Pompeo, Ed. Mds)

Libri per stare bene

Parole di conforto (Haig, Ed, E/O)

La rabbia giovane (D. Longo, ed. Einaudi)

Bolle di sapone (M.Malvaldi, Sellerio)

Vita segreta delle emozioni (I. Gaspari, Einaudi)

Piccoli vizi e adorabili virtù (C. Gualtieri, Di Girolamo)

Erika Pucci

@erykaluna

(Visitato 84 volte, 1 visite oggi)

Forte dei Marmi rinuncia alla festa in piazza dell’ultimo dell’anno

Viareggio? La capitale rock della cultura