(foto Andrea Zani)

VIAREGGIO. La stagione del Viareggio, a rivederla e riviverla, assomiglia tanto ad un giro sulle montagne russe. Una partenza strepitosa, al di là di ogni aspettativa, poi una costante flessione, sino al punto più basso – la disfatta di Barletta -, prima della risalita definitiva, in una sola domenica, contro il Frosinone.

Quaranta partita disputate (trenta in campionato e dieci in Coppa Italia) tra gioie e dolori, esaltazioni e sofferente. Alcune di queste hanno fatto sognare i tifosi del Viareggio e per questo meritano di essere ricordate più delle altre, in una sorta di top five.

23 settembre 2012, Carrarese-Viareggio 1-3

È la prima, nonché unica vittoria esterna del Viareggio in campionato. Il successo arriva solo nei minuti di recupero, al termine di una gara insidiosa, dove i giocatori patiscono il caldo più del previsto. I gol arrivano tutti nella ripresa, con Gerevini che porta in vantaggio le zebre con un sinistro fulminante. Poi la Carrarese trova il pari dal dischetto. Ma il Viareggio non vuole accontentarsi. E nei minuti di recupero con Calamai e Magnaghi prende il largo.

5 dicembre 2012, Cremonese-Viareggio 2-3

Uno dei capolavori stagionali il Viareggio lo compie a Cremona. Obbligata a vincere per non uscire anzitempo dalla Coppa Italia, la squadra di Cuoghi si impone grazie alla doppietta di Magnaghi ed al gol di Trocar. Il “toro di Lovere” prima segna con un tiro sul primo palo, poi sfrutta al meglio un assist di Calamai. Il difensore livornese, invece, deve solo appoggiare in rete un passaggio dalla destra di Pellegrini. Sconfitta amara per i grigiorossi dell’ex tecnico bianconero Scienza.

24 febbraio 2013, Pisa-Viareggio 0-3

Serviva un miracolo al Viareggio per andare in finale di Coppa Italia. E così, clamorosamente, è stato. Il Pisa stava attraversando il periodo più buio della sua stagione. Le zebre venivano dalla brutta sconfitta di Catanzaro, ma all’Arena hanno riscritto la loro storia con un 3-0 da stropicciarsi gli occhi. Nel giro di due minuti Giovinco (su rigore) e Martella rendono l’impresa possibile. Gazzoli deve compiere un paio di interventi strepitosi, poi, poco prima del recupero, Giovinco va di nuovo in gol, con una punizione magistrale.

28 aprile 2013, Viareggio-Perugia 1-0

La vittoria del cuore e della sofferenza. Contro un Perugia logicamente superiore e accompagnato da oltre mille tifosi, il Viareggio coglie un inaspettato successo grazie al colpo di testa di Benedetti a metà ripresa. Gli umbri fanno la partita, creano tante occasioni, ma le zebre resistono con caparbietà. Paparelli si fa in quattro per recuperare palloni, i difensori evitano di complicarsi la vita. Poi, alla prima chance utile, il Viareggio si scopre cinico. E colpisce.

12 maggio 2013, Viareggio-Frosinone 2-0

Arriviamo ai giorni nostri. La domenica perfetta diventa realtà grazie al successo sul Frosinone per 2-0 (reti di Gemignani e Giovinco) e della contemporanea sconfitta del Prato, che cade in casa sotto i colpi dell’Andria dell’ex bianconero Taormina. Una salvezza bella, perché inaspettata. Per la prima volta dopo tre stagioni, la permanenza in Prima Divisione non passa dai play-out.

(Visitato 22 volte, 1 visite oggi)

LA STAGIONE DEL VIAREGGIO RACCHIUSA NEGLI SCATTI DI ANDREA ZANI

IL VIAREGGIO ESPRIME PUBBLICA SODDISFAZIONE PER IL COMPORTAMENTO DEI GIOCATORI DELL’ANDRIA