dal nostro inviato

GUBBIO. Siamo alle solite: se non fai gol le partite non le vinci, e se dietro commetti errori da pennarello rosso, le perdi pure. Il Viareggio torna a mani vuote da Gubbio con gli stessi interrogativi degli ultimi mesi. Sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico. Evidentemente la lezione non è stata capita.

Senza strafare il Gubbio vince e rilancia prepotentemente le proprie ambizioni play-off, quelle che il Viareggio deve mettere in un cassetto e lasciare lì sino a quando imparerà che in attacco bisogna essere più cinici ed in difesa più attenti.

Il primo a punire le zebre è l’ex Giallombardo dieci minuti dopo il fischio d’inizio: lui, che è un terzino sinistro, si propone di gran carriera sul versante destro, passando dietro Conson e battendo Gazzoli su assist di Caccavallo. Il Viareggio avrebbe potuto pareggiare subito, ma l’occasione più nitida possibile, il calcio di rigore, Vannucchi l’ha gettata alle ortiche, facendosi respingere il penalty da Pisseri.

Il modo in cui il Gubbio raddoppio ha del tragicomico: Gazzoli lascia incredibilmente sfilare un cross radente da sinistra, Nicolao respinge male e Caccavallo fa 2-0. Romeo di testa e Della Latta di sinistro impegnano un attento Pisseri, poi Luparini – agevolato da un altro errore di Conson – sfiora il terzo gol.

Il Viareggio nella ripresa sparisce. Vuoi per la stanchezza, vuoi per un morale ai minimi termini, le zebre non si rendono mai pericolose nei secondi quarantacinque minuti. Il Gubbio amministra il doppio vantaggio e quando può riparte per far male: Luparini va di nuovo vicino al 3-0, mentre la squadra di Lucarelli, nonostante gli ingressi di Anedda, Galassi e Benedetti non produce alcunché. A peggiorare il tutto, l’espulsione nel finale di Conson.

Meglio non volare troppo con la fantasia. La priorità, a questo punto, è valorizzare un gioco a tratti spumeggiante ma tremendamente poco redditizio.

GUBBIO-VIAREGGIO 2-0

GUBBIO (4-4-2): Pisseri; Bartolucci, Tartaglia, Ferrari, Giallombardo; Caccavallo (14′ st Belfasti), Radi (26′ st Laezza), Addae, Malaccari; Luparini, Schetter (4′ st Falzerano). (Gozzi, Molinelli, Sarr, Giuliacci). All. Roselli.

VIAREGGIO (4-3-3): Gazzoli; Celiento (8′ st Anedda), Lamorte, Conson, Nicolao; Mungo, Gemignani (8′ st Galassi), Della Latta (25′ st Benedetti); Rosafio; Romeo, Vannucchi. (Furlan, Falasco, Piana, Gerevini). All. Lucarelli.

Arbitro: Martinelli di Roma 2.

Reti: 10′ pt Giallombardo, 24′ pt Caccavallo.

Note: 1364 spettatori per un incasso di 8640,69 euro. Espulso Conson (Viareggio) al 45′ st. Ammoniti Radi, Addae, Caccavallo, Ferrari (Gubbio), Lamorte (Viareggio). Angoli 4-11. Recuperi 0′ pt,

Gabriele Noli

Leggi anche:
L’intervista a Fabrizio Anedda
L’intervista a Daniel Gemignani
L’intervista a Cristiano Lucarelli
L’intervista a Domenico Mungo
L’intervista a Marco Rosafio
L’intervista a Ighli Vannucchi

Guarda anche:
La fotogallery di Gubbio-Viareggio
La sintesi di Gubbio-Viareggio

(Visitato 28 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio esperia viareggio gubbio lega pro prima divisione

ultimo aggiornamento: 09-02-2014


Nuova allerta meteo. Pioggia e vento sulla Versilia

L’autocritica di Gemignani: “Sentito la stanchezza. Perso per errori nostri”