VIAREGGIO. “L’obbligo di ripensare e rilanciare la nautica è una priorità per Viareggio. Che il mondo della nautica da diporto si interroghi sul sul proprio ruolo e sul proprio futuro è sicuramente un fatto positivo”. Lo affermano in una nota i sindacalisti Massimiliano Bindocci, responsabile versiliese della Cgil provinciale, e Mauro Rossi, segretario generale della Fiom Cgil provinciale.

“Che di questa riflessione siano parte attiva, ma non poteva essere diversamente, alcune delle principali aziende viareggine è altrettanto positivo e significativo perché rappresentano una realtà da anni protagonista della scena mondiale della nautica. Si tratta di un fatto che sottolinea l’esigenza di un consolidamento e di una ripartenza del settore che può avere conseguenze positive per l’intera filiera produttiva e per l’insediamento sul nostro territorio anche tenendo conto dell’ipotizzata possibilità di una nuova manifestazione nautica alternativa o complementare a quella di Genova.

“Non è nostro compito, e nemmeno ci interessa, inserirci nella legittima dialettica che evidentemente esiste tra alcune importanti aziende della nautica italiana e anche viareggina. Quello che riteniamo indispensabile, nell’interesse del settore e, per quanto ci riguarda, nell’interesse della nautica viareggina e del territorio di Viareggio, è che in questa dialettica non si dimentichi e non rimuova il problema del modello produttivo vero e proprio che ha garantito un periodo di crescita esponenziale, ma che da alcuni anni ha evidenziato i propri limiti e le proprie criticità.

cantieri“Si tratta di un sistema che si è sempre più caratterizzato per un grado abnorme di esternalizzazioni, di appalti e subappalti, di cui ormai da qualche anno si è perso il controllo. Con conseguenze negative in ordine alla sicurezza, a volte alla legalità, e spesso con effetti negativi anche per quanto attiene ai costi di produzione e alla qualità del prodotto.

“Su questi temi, come abbiamo ribadito nel convegno da noi promosso nel mese di marzo a Viareggio, siamo disponibili ad un confronto e ad una precisa assunzione di responsabilità. L’obiettivo, lo ribadiamo, deve essere come far ripartire il circolo virtuoso tra nautica, Porto di Viareggio e lavoro. Con il lavoro che deve essere considerato un asse portante e qualificato e non un semplice strumento, svalorizzato ed umiliato.

“Il presidente della Regione Enrico Rossi si è impegnato, anche in un incontro avuto con noi, a lavorare già a partire dal mese di settembre per la stesura e la realizzazione di un Accordo di Programma per il Porto di Viareggio per il rilancio della nautica nel nostro territorio prevedendo azioni, strumenti e risorse a questo dedicate, a partire ovviamente da un’idea di sviluppo economico, sociale ed ambientale condiviso tra le istituzioni, le parti sociali e la cittadinanza.

“Noi siamo pronti a fare la nostra parte e aspettiamo risposte adeguate all’altezza della situazione, convinti come siamo che la qualità di una filiera produttiva non si vede solo dalla politica commerciale ma anche dalle condizioni di lavoro”.

(Visitato 101 volte, 1 visite oggi)
TAG:
cgil fiom-cgil massimiliano bindocci mauro rossi nautica porto viareggio

ultimo aggiornamento: 26-08-2015


Chiusura Poste Valpromaro, CGIL: “Mobilitazione. La Politica si muova”

“Cosa aspetta Del Ghingaro a presentare il suo piano per Comune e partecipate?”