La piscina comunale di Viareggio, quella in cui hanno nuotato Federica Pellegrini, Massimiliano Rosolino e lo “zar” Aleksandr Popov, chiude. E stavolta non è un grido d’allarme come quello lanciato dai gestori un anno e mezzo fa, ai tempi del commissario prefettizio Romeo: è stato il tribunale fallimentare della Viareggio Patrimonio, proprietaria dell’impianto fino a pochi mesi fa, ad apporre i sigilli da stamani martedì 5 aprile, lasciando sbigottiti tutti quegli utenti che ogni mattina frequentano la piscina.

“Abbiamo saputo della sentenza ieri sera alle 19”, racconta Franca Zappelli del comitato Casa, che da anni gestisce – ma forse a questo punto verrebbe da usare l’imperfetto… – la piscina. “In realtà già dal 1° aprile circolavano voci sull’istanza del giudice fallimentare. In particolare, sarebbe stato prorogato di un paio di mesi l’esercizio provvisorio della Viareggio Patrimonio e tutti i relativi servizi”. Tutti tranne uno: gli impianti sportivi.

piscina

 (Ri)consegna immediata

“Ieri ci è arrivata la comunicazione del curatore fallimentare Donato Bellomo, tramite posta elettronica certificata e indirizzata anche al sindaco, che ci informava della disdetta dei contratti di gestione degli impianti sportivi: oggi dovrebbero informarci sulle modalità di riconsegna. E ci è stato consigliato di tenerla chiusa e spegnere tutto, nel frattempo: una piscina ha elevatissimi costi di manutenzione, se venisse riconsegnata con aggravi di spese potrebbero chiedere i danni a noi del comitato Casa”.

Il telefono, nel frattempo, squilla: la notizia ha già fatto il giro della città. “Signora, la piscina è chiusa. Eh, lo so, le dispiace, lo dica a me…”. Anche se “in questo momento è l’ultimo dei nostri problemi”, chi aveva già versato la quota per gli abbonamenti del nuoto libero e dei corsi verrà rimborsato.

Zappelli si scaglia contro l’amministrazione comunale, che sul profilo Facebook della piscina di Viareggio è stata sarcasticamente ringraziata “per tutto quello che ha fatto per scongiurare che ciò non accadesse, cioè niente”.

“Il sindaco Del Ghingaro era venuto in campagna elettorale, gli assessori Sandra Mei e Laura Servetti conoscevano perfettamente la situazione”, è l’amaro commento di Zappelli. “La squadra di pallanuoto maschile del Nuoto Viareggio, ad esempio, è costretta a giocare a Livorno tutte le partite casalinghe del campionato di Serie C. Da due anni, poi, la piscina ha perso i principali meeting come il Mussi-Lombardi-Femiano e la Coppa Carnevale giovanile. Ma forse non gliene importava…”.

(foto Mauro Pucci)
(foto Mauro Pucci)

Gli altri impianti

Se è vero che l’istanza del giudice fallimentare riguarda tutti i luoghi in cui si fa sport a Viareggio, almeno quelli che erano in mano alla Patrimonio, che ne sarà degli altri? In realtà lo stadio dei Pini è al riparo da tutto ciò: nel testo si fa riferimento solo al campo sportivo della Migliarina, al Centro Polo e al palazzetto dello sport, che rimarrà comunque aperto fino al termine del campionato di Serie A1 di hockey su pista in cui è impegnato il Cgc.

“So che gli altri ce la faranno ad arrivare a fine stagione, ed è proprio questo che mi fa rabbia”, conclude Zappelli. “Lo scorso inverno, durante una riunione tra i gestori dei vari impianti, era stato concordato che come avrebbe subìto uno avrebbero subìto tutti gli altri. E invece è mancata proprio la solidarietà”.

Chi ci rimette

Con i sigilli alla piscina si ritrovano, così, senza un luogo dove potersi allenare tutti gli atleti della Tirrenica che partecipa ai campionato di nuoto regionali e nazionali – è la società in cui è cresciuta la campionessa viareggina Diletta Carli -, le sezioni di pallanuoto (senior e giovanili) e nuoto sincronizzato del Nuoto Viareggio, gli aspiranti sub del Club Artiglio.

E ancora: corsi di acquagym, speciali iniziative per anziani e diversamente abili, corsi di bagnino, oltre naturalmente a quanti utilizzano le corsie riservate al nuoto libero per fare due bracciate in tutta tranquillità, per un totale di oltre mille utenti. Che, da oggi, dovranno rivolgersi altrove.

Leggi anche:
Forza Italia chiede le dimissioni dell’assessore allo sport
L’appello del centrodestra: “Lavoriamo a una soluzione”
La replica del sindaco Giorgio Del Ghingaro
Il commento del Pd
La proposta di Rifondazione: “Azionariato popolare”
Convocato un presidio davanti al Comune
Il tweet di Federica Pellegrini: “Mi dispiace, è una vasca storica”

(ultimo aggiornamento ore 23:26)

(Visitato 1.465 volte, 1 visite oggi)

Balneazione, Del Dotto incontra le categorie economiche

Balneazione, proseguono gli incontri di Del Dotto con le categorie