Alessandro Santini:

“La Sinistra sta gustando il piacere del potere e la comodità delle poltrone e oggi evita come la peste sia i cantieri che le fabbriche. La Sinistra assapora il gusto del lusso, della ricchezza e dei salotti buoni e si tiene alla larga dal puzzo del sudore di chi lavora e fatica, si tiene a debita distanza da chi si sporca lavorando onestamente.

La Sinistra ha dimenticato in fretta le lotte operaie e oggi si atteggia a finto “signore”, ora sta con i padroni: perché è più facile e comodo stare negli uffici con l’aria condizionata, che in piazza a protestare sotto il sole. Se gli operai scioperano in strada, oggi la Sinistra nemmeno ti sostiene, nemmeno si degna di ascoltarli, e men che mai gli Amministratori pubblici di Sinistra, ieri espressione della CGIL e oggi in giacca e cravatta: nemmeno si affaticano a riceverli o parlarci. L’operaio e il lavoratore, per la Sinistra di potere, sono diventati degli scocciatori, dei disturbatori: insomma, una noia da tenere alla larga e non considerare. Prima li hanno spremuti a dovere, desiderosi del loro voto, mentre oggi se ne disfano come di un giocattolo rotto.
A Viareggio, addirittura la Giunta che governa la città, si permette di offendere le sigle sindacali, non allineate al potere della “casta”, e le centinaia di operai che rappresentano, qualificandoli come “residui sindacali”. Parole indegne ed inaccettabili. Un’ennesima occasione persa dalla Sinistra. Ma la cosa peggiore ed avvilente, dopo le offese dell’Assessore Alberici, è stato il silenzio del PD.Allineato quindi nelle parole vergognose, prono e servo di chi oggi offende operai e lavoratori, mentre ieri se ne serviva per scalare il potere”.

(Visitato 113 volte, 1 visite oggi)

Governo: Costagliola nominato consulente sottosegretario da Deborah Bergamini

Torre del Lago, Ferrari e Pardini (Lega): “Controlli contro la sosta selvaggia di camper sulla Marina”