C’è tempo fino a sabato 30 ottobre per approfittare dell’opportunità del contributo affitto. I cittadini di Massarosa in possesso dei requisiti previsti dal bando possono presentare domanda per ricevere un contributo ad integrazione del canone di locazione per il corrente anno. Le categorie aventi diritto, i requisiti necessari e l’ammontare del contributo sono dettagliati nel bando consultabile al link https://www.comune.massarosa.lu.it/home/aree-tematiche/politiche-sociali-abitative/bando-contributo-affitto.html

La domanda deve essere compilata unicamente sul modulo predisposto dall’Ufficio Casa del Comune di Massarosa, in distribuzione sia fisicamente presso l’Ufficio Relazione con il Pubblico in Piazza Taddei 27 a Massarosa, sia online scaricabile dal sito internet istituzionale del Comune di Massarosa nell’area tematica politiche sociali ed abitative dove si trova la sezione dedicata proprio al contributo affitto. È necessario firmare la domanda ed allegare un documento di riconoscimento (C.I. o patente) del firmatario, pena esclusione.

La domanda deve essere presentata a mano all’Ufficio Protocollo del Comune di Massarosa nei seguenti orari: dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 13.00; il lunedì e il mercoledì dalle 15.00 alle 17.00 oppure spedita per posta a mezzo raccomandata A/R all’indirizzo Comune di Massarosa – Ufficio Casa, Piazza Taddei 27 – 55054 Massarosa (LU) oppure per PEC all’indirizzo [email protected], esclusivamente da casella di posta elettronica certificata (non saranno ritenute valide le domande inviate da una casella di posta elettronica semplice). 

“Si tratta di un appuntamento ormai consueto – commenta la Sindaca di Massarosa Simona Barsotti – un aiuto concreto per chi è in difficoltà a pagare l’affitto”.

La scadenza è tra pochi giorni, il 30 ottobre, quindi chi fosse interessato deve predisporre la domanda e consegnarla entro questi termini, Per ulteriori info Ufficio casa tel. 0584 979282. 

(Visitato 203 volte, 1 visite oggi)

Gli interventi di “restyling” delle abitazioni di servizio all’ impianto idrovoro della Sassaia

Rigenerazione urbana, cinque progetti per la Massarosa del futuro