Dal calacatta di Vagli al bianco P, dal bardiglio cappella al fantastico Arni. Il municipio di Pietrasanta è una vetrina naturale dei materiali lapidei estratti dalle cave della Versilia e non solo. Un patrimonio unico che l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Massimo Mallegni, ha deciso di valorizzare, facendo catalogare tutti i marmi presenti all’interno del palazzo, oggi sede del Comune. Un lavoro scrupoloso di ricerca, affidato all’architetto Paolo Camaiora e al geologo Sergio Mancini, che hanno individuato tipologia e provenienza delle pietre utilizzate per la scalinata, i pavimenti, i rivestimenti e le sculture dell’edificio, ex Palazzo Littorio, costruito tra il 1929 e il 1932.

Il progetto, coordinato dal capo di gabinetto Adamo Bernardi e portato a termine con il supporto del Cosmave, sarà presentato giovedì 29 dicembre, alle ore 12, nell’atrio di palazzo civico, dove sarà posizionato il totem in doppia lingua, italiano e inglese, che sintetizza l’accurata classificazione dei marmi, a beneficio di turisti, scultori, architetti e designer che quotidianamente visitano il Comune di Pietrasanta.

“Questa catalogazione – dichiara il sindaco Massimo Mallegni – è un atto dovuto, un tributo doveroso alle nostre cave e alla storia della città. Si tratta di un’operazione qualificante per il nostro Comune che, per quanto piccolo, ha una vocazione culturale internazionale. Il pannello che illustra i marmi presenti nel palazzo è un grande spot per il territorio, un elemento di curiosità per gli artisti e le delegazioni straniere che abbiamo la fortuna di ospitare regolarmente in Comune”.

Il totem è una chicca per i cultori del marmo: ha un basamento in breccia violetta, materiale tipico della Versilia, il preferito dalla famiglia dei Medici che, donato dalla ditta Italmarble Pocai, arricchirà ulteriormente il tesoro lapideo custodito all’interno di palazzo civico.

(Visitato 107 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento