I controlli nelle attività della provincia di Massa Carrara sono in aumento ed i numeri sul personale presente nelle strutture di Prevenzione, Igiene e Sicurezza nei luoghi di lavoro (PISLL) non hanno fatto registrare riduzioni.

Lo evidenzia l’Azienda USL Toscana nord ovest a seguito del recente intervento del segretario della Uilm – area nord Toscana Giacomo Saisi in merito agli infortuni sul lavoro.

Entrando nello specifico, si fa presente che i controlli nelle ditte relativi esclusivamente alla prevenzione nei luoghi di lavoro (al netto delle iniziative specifiche legate allo specifico piano straordinario marmo finanziato dalla Regione Toscana)  sono aumentati in maniera consistente nel primo quadrimestre 2019, quando nella provincia di Massa Carrara sono stati 306, contro i 280 dello stesso periodo del 2018.

A livello provinciale non c’è stata, inoltre, alcuna riduzione del personale del PISLL (dati riferiti alle unità funzionali PISLL delle zone Lunigiana ed Apuane): nel 2018 gli operatori in servizio erano 19, ed  in questo 2019 a regime saranno 20: tutti coloro che sono andati o stanno andando in pensione si stanno sostituendo. Non risultano quindi carenze di mezzi e personale.

Per quanto concerne, poi, il numero di incidenti sul lavoro nel primo trimestre 2019, sempre a livello provinciale, ci sono stati complessivamente 555 infortuni (fonte Pronto Soccorso e SISPC), contro i 572 del primo quadrimestre del 2018, quindi con una riduzione dei casi, anche se i dati, come evidenzia anche lo stesso Saisi nella sua analisi, sono da prendere con le dovute precauzioni e dovranno essere approfonditi considerando il dato degli occupati e delle ore lavorate, oltre ovviamente all’indice di gravità (infortuni mortali e con prognosi superiore ai 40 giorni).

 

(Visitato 96 volte, 1 visite oggi)
TAG:
asl controlli infortuni sul lavoro massa-carrara

ultimo aggiornamento: 28-06-2019


Bussoladomani ospiterà concerti ed eventi, firmato il protocollo Camaiore – Regione

Concentrazione ozono: il sindaco di Lucca invita la cittadinanza a osservare alcune precauzioni nelle ore più calde della giornata