LUCCA. Dopo mesi di trepidante attesa sabato 26 settembre alle ore 16.00 si conosceranno i vincitori della IX edizione del Premio Letterario Giovane Holden, organizzato da Giovane Holden Edizioni di Viareggio, in collaborazione con Associazione Culturale I soliti ignoti e il patrocinio della Provincia di Lucca.
La cerimonia di premiazione si svolgerà nella Sala Ademollo della Provincia di Lucca (Palazzo Ducale – Cortile Carrara n. 1) dove sono attesi i 130 finalisti – su 1500 partecipanti – proclamati lo scorso agosto.
Sezioni a concorso: inedito (romanzo, racconto, poesia) ed edito (romanzo, silloge).
Due le giurie: una per la sezione inedito e una per l’edito. La giuria dell’inedito è presieduta da Marcella Malfatti (scrittrice e bibliotecaria) e composta da Luca Manfredini (scrittore, paroliere e compositore) e da Irene Di Natale (blogger e docente di scrittura creativa). La giuria dell’edito è presieduta da Luigi Nicolini (pianista, compositore e scrittore) e da Maria Teresa Landi e Luciana Tola (scrittrici).
Il primo classificato di ogni sezione riservata all’inedito (romanzo, racconto e poesia) riceverà in premio la pubblicazione ad personam del proprio elaborato nelle collane di narrativa e poesia di Giovane Holden Edizioni. Il primo classificato di ogni sezione riservata all’edito (romanzo e poesia) riceverà in premio un soggiorno per due persone (due giorni, una notte) a Viareggio presso l’hotel Residence Esplanade. A tutti i finalisti sarà consegnato un attestato di merito, ai vincitori di sezione una targa personalizzata. Le due Giurie si sono riservate il diritto, come da bando di concorso, di assegnare alcuni Premi Speciali ai finalisti e non.
Coordina la cerimonia di premiazione il giornalista Andrea Montaresi.

Di seguito i nomi dei finalisti (riportati in rigoroso ordine alfabetico) della IX edizione del Premio, divisi per sezione. Come da regolamento, la mancata presenza del vincitore all’evento farà decadere il suo diritto di accedere al premio finale.

SEZIONE INEDITO

Romanzo (in rigoroso ordine alfabetico):
Susanna Agostinelli – “1018 – Sonata per noi due soli” – Livorno
Francesco Aiello – “Gli spiriti di nonna Filomena” – Livorno
Chiara Benciolini – “Certosa misteriosa” – Vigodarzere (Padova)
Barbara Beneforti – “La disertora” – Pistoia
Andrea Bertagni – “Una montagna d’oro” – Pregassona (Svizzera)
Elena Bresciani Baldi – “Piccole, delicate piume” – Forte dei Marmi (Lucca)
Lavinia Brilli – “Ci vediamo su FB” – Rovereto (Trento)
Fabiola Cacioni – “Nessuna strada facile” – Tivoli (Roma)
Franca Canapini – “Io niente no” – Arezzo
Alessandra Casati – “Amor, ch’a nullo amato amar perdona” – Monza
Alessandro Corsi – “Una storia senza storia” – Livorno
Guido De Rossi – “Come quando eravamo bambini e giocavamo a rincorrerci” – Moncalieri (Torino)
Nadia De Stefano – “Volevo uccidere Faletti” – Viareggio (Lucca)
Maria Denis Guidotti – “La rivoluzione della Bertulina” – Parma
Chiara Giacobelli – “L’ultimo inverno della mia vita” – Falconara Marittima (Ancona)
Massimo Giusti – “Il Manuale di Greta” – Campi Bisenzio (Firenze)
Pier Giorgio Graziano – “Cara, cosa ci hai preparato per cena?” – Torino
Emanuele Grilli, Vita Solaro – “Feriti da felicità” – Roma
Sabrina Guglielmi – “Il corvo” – Massa
Chiara Marchesini – “Il rumore dolce e sommesso dell’acqua (ovvero lo strano caso di George Tryon)” – Vicenza
Lidia Mingrone – “È come guidare una Ferrari” – Voghera (Pavia)
Donato Montesano – “I grandi scrittori non mangiano” – Tricarico (Matera)
William Francesco Murano – “Estraneo al tempo” – Castelfranco Veneto (Treviso)
Sandro Orlandi – “Azrael” – Macerata
Giancarlo Parini – “Seduta sull’erba in un mare di nebbia” – Milano
Demian Planitzer – “Cadio” – Dolcè (Verona)
Massimo Renaldini – “Stramonio” – Rezzano (Brescia)
Francesco Runfola – “Un alito di bossanova” – Verbania
Fabiola Sciarratta – “La Villa” – L’Aquila
Mariella Todaro – “Oroscopo per una monaca” – Chiarari (Genova)

Racconto (in rigoroso ordine alfabetico):
Giuseppe Armani – “Ritorno” – Fiorenzuola D’Arda – (Piacenza)
Graziella Atzori – “Rapsodia in Viola” – Trieste
Davide Bacchi – “Amelie” – Bologna
Francesca Belotti – “Parlerò di te” – Palazzolo Sull’Oglio (Brescia)
Davide Cecilia – “Dal diario del muro parlante” – Roma
Paola Ciregia – “La giusta distanza” – Capezzano Pianore (Lucca)
Susanna Benassi, Claudio Lucetti – “L’ombra della clessidra” – Pietrasanta (Lucca)
Donatella Dariol – “Questo mio cuore” – Carbonera (Treviso)
Valentina Fantasia – “Questa notte ho sognato” – Formia (Latina)
Antonino Favara – “Una lettura magica” – Torino
Laura Gamberini – “Ho visto la vita che gli usciva dalla bocca” – Milano
Antonella Iacoli – “Joe” – Modena
Marisa Iacopino – “Lettera di un aspirante accademico” – Roma
Alessandro Izzi – “Eva” – Gaeta (Latina)
Massimo Martinelli – “Una lapide” – Capraia e Limite (Firenze)
Lidia Mingrone – “Sebastian” – Voghera (Pavia)
Giancarlo Parini – “Le finestre sul cortile” – Milano
Stefania Pellegrini – “Una nuova vita” – Nus (Aosta)
Maddalena Maria Piana – “Maschere” – Sassari
Diletta Pischetola – “Il clochard e la bambina con il gelato” – Perugia
Valeria Rossi – “Canto di Nozze a Santa Rosalia” – Tremestieri Etneo (Catania)
Edoardo Rossi – “(the) Cure” – Genova
Ivana Saccenti – “Come finisce?” – Pozzuolo Martesana (Milano)
Donatella Sarchini – “La fine di qualcosa” – Milano
Carmela Scotti – “Il lupo” – Barlassina (Monza-Brianza)
Alice Scuderi – “La macchia indelebile” – Campiglia Marittima (Livorno)
Beatrice Segato – “Yoel” – San Giovanni Lupatoto (Verona)
Gabriella Sperotto – “Dove vanno le bolle” – Belluno
Francesco Zamboni – “Il giorno mille” – Brescia
Anna Maria Zanchetta – “Aspettando l’alba” – Mossano (Vicenza)

Poesia (in rigoroso ordine alfabetico):
Eugenio Arduini – “Alla poesia” – Viterbo
Paola Brolati – “Divoro materia” – Venezia
Paola Carmignani – “Senza fare rumore” – Altopascio (Lucca)
Daniela Conti Benassi – “Giovani” – Camaiore (Lucca)
Milena Del Vecchio – “Memorie sepolte” – Remedello (Brescia)
Laura Domenichelli – “Il giorno della memoria” – Castiglion Fiorentino (Arezzo)
Nancy Franchi – “Nonna Flò” – Seravezza (Lucca)
Paola Gatti – “Chiudimi gli occhi” – Roma
Nicola Giordano – “Nostalgia” – Roma
Marisa Iacopino – “Si potesse risalire” – Roma
Andrea Improta – “Il cielo limpido della notte” – Firenze
Morena Larini – “Avrei voluto” – Massarosa (Lucca)
Eleonora Luisi – “Carezza” – Forte dei Marmi (Lucca)
Basilio Luoni – “Impresa famigliare” – Procida (Napoli)
Lorenzo Meozzi – “Noi demoliti col cuore in mano” – Vinci (Firenze)
Angelo Mocchetti – “Né terra né cielo” – Rescaldina (Milano)
Ylenia Mora – “Solitudine” – Carpaneto Piacentino (Piacenza)
Marella Nappi – “Fine di noi” – Lanciano (Chieti)
Gianluca Pavia – “L’inconsapevole attrattiva della repulsione” – Roma
Andrea Piccini – “Aria inflazionata” – Campi Bisenzio (Firenze)
Mario Recchia – “Arazzo di emozioni” – Castrocielo (Frosinone)
Renato Rossi – “Il mio spazio” – Marina di Carrara (Massa)
Donatella Sarchini – “Guardando verso il sole” – Milano
Lucia Grazia Scalandra – “Rimunerazione” – Venaria Reale (Torino)
Luca Sichetti – “Urlo in gola” – Paglieta (Chieti)
Stefania Vecchiato – “Tracce” – Oderzo (Treviso)
Alberto Carlo Maria Vendittelli Casoli – “Estate” – Moncalieri (Torino)
Silvia Zamprogna – “Ho vissuto cento volte per nulla” – Trebaseleghe (Padova)
Anna Maria Zanchetta – “Memoria” – Mossano (Vicenza)
Massimo Zona – “L’amore al tramonto” – Calvi Risorta (Caserta)

SEZIONE EDITO

Romanzo (in rigoroso ordine alfabetico):
Enrico Aldobrandi – “La bellezza contenuta” – Firenze
Silvano Bertaina – “Effetto Christian” – Govone (Cuneo)
Francesco Brandoli – “Il Dio del dolore” – Bologna
Katia Brentani – “Il figlio del Boia” – Bologna
Basilio Paolo Colucci – “Un Compleanno Speciale” – Lucera (Foggia)
Emanuele Corocher – “Il Piccolo Popolo e il pianeta Terra” – Verona
Manfredo Corona – “La colombaia” – Parma
Paolo De Angelis – “Un fiore tra le pietre” – Roma
Antonio d’Elia – “Le paurose avventure di Fulvio (cavia peruviana)” – Molfetta (Bari)
Maria Grazia Forli – “Meraviglioso amore” – Gallicano (Lucca)
Guido Leoni – “L’Aristocratico” – Riva del Garda (Trento)
Lorena Lusetti – “Pensieri e parole” – Bologna
Maria Stefanelli Manuela Mareso – “Loro mi cercano ancora” – Rosta (Torino)
Umberto Martino – “L’ultimo volo del gabbiano” – S. Giovanni Rotondo (Foggia)
Claudio Matarozzo – “Cellule (Quando le parole finiscono)” – Roma
Donatella Mascia – “Magnifica visione” – Genova
Paolo Montaldo – “Io, Federico perna morto nel carcere di Poggioreale” – Cagliari
Lucia Paoletti – “Codice B321” – Pisa
Francesca Papa – “Chi fermerà il tempo” – Roma
Elio Rogati – “Assassinio a Montecitorio” – Roma
Laura Sabatino – “La distrazione” – Roma
Elisa Sala Borin – “Camilla e la luna piena” – Treviso
Fabiola Sciarratta – “I tetti Blu” – L’Aquila
Stefano Testa – “Il senso nascosto delle ferite” – Frosinone
Lorenzo Vercellino – “Jailbait – L’Esca” – Loano (Savona)
Poesia (in rigoroso ordine alfabetico):
Giovanni Aniello – “Ostaggi del tempo” – Marina di Minturno (Latina)
Carlo Benincasa – “L’essenziale è” – Cerveteri (Roma)
Danilo Breschi – “Cicatrici e altre incarnazioni” – Figline e Incisa Valdarno (Fi)
Yuleisy Cruz Lezcano – “Vita su un ponte di legno” – Marzabotto (Bologna)
Anna Maria D’Ambrosio – “Di fiori e di foglie” – Novara
Giulio Gasperini – “Migrando” – Aosta
Monica Guerra – “Semi di sé” – Faenza (Ravenna)
Clara Kaisermann – “Voci d’amore da una Locanda” – Mezzolombardo (Trento)
Samuele Liscio – “Convalescenza” – Prato
Eleonora Luisi – “Samsara” – Forte dei Marmi (Lucca)
Verdiana Maggiorelli – “Ho consumato le labbra a baciar rospi” – Vigolzone (Piacenza)
Gianni Marcantoni – “In dirittura” – Cupra Marittima (Ascoli Piceno)
Fulvia Marconi – “Amore che d’amor si nutre e sazia” – Ancona
Enrico Notaro – “I vestiti della poesia” – Roma
Giovanni Parentignoti – “Davanti all’uditorio colpa ha la parola” – Noto (Siracusa)

Informazioni

Il

Set

26

Dove

Palazzo Ducale, Lucca

Quando

ore: 16:00 - 19:00

Prezzo

gratis

Mappa