Riso selvaggio con totano affumicato e carciofi - Ricette di Versiliatoday.it

Riso selvaggio con totano affumicato e carciofi

Il riso selvaggio è il primo riso che ho imparato a cucinare, grazie all’aiuto della mia amica Stephanie nativa del Minnesota. “Un’americana che cucina del riso?” vi domanderete… “Of course!” vi risponderebbe Stephanie da quindici anni vive in Versilia, e mi ha omaggiato della sua ricetta, un piatto decisamente gustoso sia per il palato che per gli occhi.

Il sapore aromatico del riso selvaggio simile a quello della castagna, unito alla dolcezza dei pomodori, e l’aspro dei carciofi, si uniscono in un enfasi di gusti che farà ricredere molti di voi sulla cucina americana, che per fortuna non è tutta fatta di junk-food o di cibi di bassa qualità.

Vino d’accompagnamento: un buon Pinot Grigio dell’Alto Adige servito freddo a 11/13 C°

Storia del riso selvaggio
Gli indiani Ojibwa e Sioux del Minnesota lo chiamano “Mahnomem”, e i primi esploratori francesi del Minnesota e del Canada lo chiamavano “Folles Avoines” (avena selvaggia). Manominikegississ è il periodo in cui si faceva la raccolta del riso, corrispondente al mese di Agosto.

Come si raccoglie il riso selvaggio? La raccolta è un processo che non ha subito variazioni dal progresso tecnologico, e si raccoglie oggi come si raccoglieva anni fa. Si utilizza una canoa all’interno della risaia, una persona rema, e un’altra tiene ferma una spiga di Zizania, utilizza due pezzi di legno uniti entro i quali vengono fatti passare le spighe, da questo sfregamento cadono i chicchi di riso all’interno della canoa. Per svolgere quest’attività è necessaria molta coordinazione, altrimenti si rischia che tutti i chicchi possano cadere in acqua. Una volta raccolto il riso, viene lavorato, privandolo di eventuali impurità, e confezionato per la vendita.

Un tempo questo riso poteva essere raccolto solamente dai nativi americani in Minnesota, ed era solitamente venduto dalla tribù dei Chippewa nel nord del Minnesota.

(Visitato 637 volte, 1 visite oggi)
Print Recipe
Riso selvaggio con totano affumicato e carciofi
Il Riso selvaggio con totano affumicato e carficiofi è una ricetta che viene da lontano e che non lascerà più la vostra tavola, tutta con ingredienti freschi e di stagione. Ideale per il pranzo della domenica, così da poter mettere in bagno il riso il sabato sera.
riso selvaggio con totano affumicato e carciofi
Livello medio
Costo medio
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 40 minuti
Tempo Passivo 8 ore
Porzioni
persone
Ingredienti
Riso selvaggio con totano affumicato e carciofi
Brodo Vegetale (3lt di brodo)
  • 3 lt Acqua
  • 130 g Zucchina equivalente a circa 1 zucchina
  • 100 g Patata equivalente a circa 1 patata
  • 360 g Pomodori equivalente a circa 2 pomodori medi
  • 150 g Carota equivalente a circa 2 carote
  • 190 g Cipolla equivalente a circa 2 cipolle
  • 400 g sedano equivalente a circa 3 coste di sedano di piccole dimensioni
  • 1 g aglio 1 spicchio in camicia (non sbucciato)
  • 12 g prezzemolo 1 ciuffo
  • 1 g Alloro 3 foglie
  • 5 g pepe nero una spolverata macinata
Livello medio
Costo medio
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 40 minuti
Tempo Passivo 8 ore
Porzioni
persone
Ingredienti
Riso selvaggio con totano affumicato e carciofi
Brodo Vegetale (3lt di brodo)
  • 3 lt Acqua
  • 130 g Zucchina equivalente a circa 1 zucchina
  • 100 g Patata equivalente a circa 1 patata
  • 360 g Pomodori equivalente a circa 2 pomodori medi
  • 150 g Carota equivalente a circa 2 carote
  • 190 g Cipolla equivalente a circa 2 cipolle
  • 400 g sedano equivalente a circa 3 coste di sedano di piccole dimensioni
  • 1 g aglio 1 spicchio in camicia (non sbucciato)
  • 12 g prezzemolo 1 ciuffo
  • 1 g Alloro 3 foglie
  • 5 g pepe nero una spolverata macinata
riso selvaggio con totano affumicato e carciofi
Istruzioni
Riso selvaggio con totano affumicato e carciofi
  1. Il riso selvaggio con totano affumicato e carciofi si inizia Immergendo il riso Selvaggio per 8 ore in acqua fredda. Terminato l'ammollo, prendete una pentola, riempitela d'acqua fredda, poneteci il riso, salate e fate bollire per 30 minuti. Una volta bollito il riso scolate al dente.
  2. Preparate il brodo vegetale seguendo le istruzioni della ricetta.
  3. Grattugiate la buccia del limone, e tenetela da parte.
  4. Pulite i carciofi avendo cura di togliere le foglie esterne ed il gambo, tornite la base dei carciofi con un coltellino. Prendete una bacinella con dell'acqua in cui avrete spremuto il limone che avete utilizzato per grattugiarne la buccia, per renderla acidulata. I carciofi andranno man mano tagliati a lamelle.
  5. Lavate ora i pomodori ed immergeteli in acqua bollente per un minuto. Riempite l'acquaio con acqua molto fredda, e dei cubetti di ghiaccio per renderla ghiacciata, ed immergetevi i pomodori sbollentati, che andrete a pelare. Nella mondatura dei pomodori è importante eliminare i semi che altrimenti daranno un gusto acido al piatto, (quindi massima attenzione), la polpa che si otterrà da questo procedimento andrà tagliata a dadini.
  6. Tagliate a striscioline il totano affumicato.
  7. Mondate gli scalogni, prendete un tagliere e tritateli finemente. Scaldate dell'olio extra vergine d'oliva in una padella, per verificare la temperatura ideale in cui potrete inserire gli scalogni tritati, potrete prendere un mestolo di legno, se si formeranno delle bollicine intorno alla parte di mestolo immersa nell'olio, la temperatura sarà perfetta. A questo punto, aggiungete gli scalogni, e fateli saltare. Aggiungete i carciofi precedentemente tagliati a lamelle una volta che li avrete scolati dall'acqua acidulata, e saltateli per 3 minuti con sale, pepe e poco prezzemolo tritato fresco.
  8. Aggiungete le striscioline di totano affumicato, e sfumate con il brodo vegetale bollente (vedi istruzioni e ingredienti per la preparazione).
  9. Dopo la sfumatura, aggiungete i dadini di polpa di pomodoro, e per ultimo il riso Selvaggio, e saltate a fiamma bella vivace, profumando il riso con il prezzemolo tritato e con la buccia di limone grattugiata. Il vostro riso selvaggio con totano affumicato e carciofi è finalmente pronto!
Brodo Vegetale
  1. Lavate bene tutte le verdure, poi iniziate la mondatura, pelate i pomodori, sbucciate le cipolle tagliandole poi in due pezzi, pelate le carote e le zucchine a cui taglierete le estremità e dividerete a metà. I gambi di sedano dovranno essere tagliati in tre parti, le patate una volta pelata, la dividerete in quarti.
  2. Mettete a bollire 3 lt di acqua fredda in un pentolone in cui avrete inserito uno spicchio d'aglio non sbucciato, le verdure già pulite, insieme a qualche foglia d'alloro, e una spolverata di pepe nero.
  3. Una volta che si è raggiunto il bollore, aggiungere il sale e del prezzemolo di cui possiamo usare anche i gambi. Coprire con un coperchio e lasciare cuocere per un'ora e mezza circa. Terminata la cottura assaggiare il brodo per regolare il sale, e filtrare il brodo per togliere Chiudete con un coperchio e cuocete per circa un’ora e mezza (8). A cottura ultimata aggiustate di sale e filtrate il brodo con un colino (9).
Recipe Notes

Il riso Selvatico o Selvaggio è ideale per essere saltato in padella insieme ad altri ingredienti, perché contiene pochissimo amido, e ciò consente ai suoi chicchi di rimanere belli separati e far si che non si appiccichino.

Il riso Selvatico proviene dal Nord America, viene estratto dalla Zizania acquatica, ossia una varietà di grano, ed è chiamato Wild Rice, Canadian Rice o Water Rice, anche se non è un riso vero e proprio, ma gli assomiglia molto sia per l'aspetto che per le proprietà organolettiche.

La pianta dalla quale viene estratto, la Zizania, appartiene alla graminacee che cresce sia in Nord America, ma anche in Cina, tuttavia l'utilizzo che ne viene fatto in questi due paesi è diverso. In Nord America è coltivata per produrre il Riso Selvaggio, ed è tipico della cucina locale tradizionale, in Cina la pianta viene usata o per decorare o come verdura.

Aggiornato il: 25-11-2014 10:27